L’Accademia abbraccia Fly and Dreams Tour by Caddy e conferma Cicotto, Onnis e Orrù

Fly and Dreams

Più che un accordo di sponsorizzazione, è un vecchio amico che torna a casa. Nella stagione sportiva 2019/2020 e anche per le due successive, l’Accademia Basket potrà contare sul supporto di Fly and Dreams Tour by Caddy, agenzia di viaggi di Alessandro Caddeo, nome ben noto dell’ambiente cestistico cagliaritano per essere stato anche capo allenatore della Russo ai tempi della militanza in Serie B2.

Fly and Dreams Tour by Caddy è un’agenzia giovane e dinamica. Nata nel 2009, nel giro di pochi anni ha saputo crescere e affermarsi grazie a una qualità non comune: la gestione rapida, diretta e trasparente del rapporto con il cliente. Fly and Dreams Tour by Caddy, infatti, è specializzata nel lavoro via social network. Con una pagina Facebook da oltre 25mila like, infatti, ha costruito una community di fruitori/amici guidati nelle scelte, se necessario, anche via chat.

Fly and Dreams Tour by Caddy organizza attualmente oltre 30 viaggi nozze l’anno, e nel 2019 è stata insignita del premio di miglior agenzia in Sardegna per Costa Crociere.

“Il PalaMellano è la mia casa – commenta Alessandro Caddeoe sono felice di tornarci. Ho deciso di sostenere l’Accademia Basket perché il presidente Riccardo Fiorelli e i dirigenti hanno costruito un progetto innovativo. Forse l’unico, nel panorama del Sud Sardegna, veramente improntato sui giovani. Da ex giocatore e allenatore ho apprezzato molto questa strategia, e sono convinto che porterà tante soddisfazioni”.

Fly&Dreams Tour ha sede in via Pacinotti 4 a Cagliari. Tutte le informazioni sul sito flyandreams.com e sulla pagina Facebook “Fly and Dreams Tour by Caddy”.

L’entusiasmo e la passione di Fly&Dreams non può che essere associata all’energia e alla freschezza di tre “giovani veterani” della Fotodinamico edizione 2019/2020: Davide Cicotto, Federico Onnis e Daniel Orrù.

Ala classe 1996, cresciuto nel settore giovanile della Scuola Basket Cagliari, società amica dei Pirates, Davide è giunto alla sua terza stagione (non continuativa) in canotta biancoblù. Nel 2015/16 fu, infatti, parte integrante del gruppo che proprio sotto la guida di coach Sassaro riuscì a conquistare la promozione in Serie B. Tornato a Sestu nell’estate del 2018, ha mostrato dei tangibili progressi facendo registrare ben 10.6 punti di media in 28 presenze: “Sono rimasto perché qui mi trovo benissimo. Inoltre ho apprezzato tanto l’entusiasmo del coach nel volersi mettere alla guida di un gruppo così giovane. Lo scorso campionato è stato molto utile, soprattutto in termini di esperienza – spiega – io e i miei compagni abbiamo avuto modo di crescere”. Gli insegnamenti dello scorso campionato andranno messi a frutto in questa stagione: “Ho avuto delle buonissime impressioni sul nuovo gruppo – ammette Davide – credo che la squadra sia composta da ragazzi molto validi, sia dentro che fuori dal campo”. L’obiettivo non può che essere quello di migliorare: “Vogliamo fare dei passi avanti in classifica rispetto alla scorsa stagione, e per riuscirci sarà necessario mostrare dei progressi, sia in allenamento che in partita”.

Per Federico Onnis, 24enne guardia ex Antonianum, si tratterà invece del secondo campionato in maglia Fotodinamico: “Sono rimasto volentieri in questa società – afferma – lo scorso anno mi è stato prospettato un progetto interessante, basato quasi esclusivamente sui giovani, e sono soddisfatto di come stanno andando le cose. Anche io, inoltre, sono rimasto colpito dalla voglia di coach Sassaro di mettersi in gioco con una squadra dall’età media così bassa”. Anche per Onnis l’ultimo campionato è stato particolarmente produttivo: 10.4 punti di media e un season high di 19 contro il Calasetta. La squadra, invece, è riuscita a ottenere il primo turno dei playoff, dove ha saputo mettere in difficoltà la favoritissima Santa Croce: “Se dovessi assegnare un voto alla scorsa stagione darei la sufficienza – prosegue – ciò che abbiamo ottenuto nonostante i tantissimi esordienti nella categoria non è assolutamente da buttare”. Anche Federico esprime ottimismo sulla Fotodinamico che sta nascendo: “I nuovi si stanno inserendo molto bene – sottolinea – alcuni di loro, peraltro, già li conoscevo. Siamo solo a inizio stagione ma gli allenamenti sono già molto intensi”. Sugli obiettivi: “Dal punto di vista personale lotterò per guadagnare qualche minuto in più nelle rotazioni, mentre per quanto riguarda i risultati sarebbe bello fare un passettino in più dell’anno scorso, superando il primo turno dei playoff”.

Play/Guardia di 21 anni, arrivato lo scorso anno dall’Esperia Cagliari, anche Daniel Orrù (allenato proprio da Alessandro Caddeo ai tempi delle giovanili dell’Esperia) si è guadagnato la conferma sul galeone dei Pirates dopo una stagione da quasi 12 punti di media: “Nell’ultimo campionato si poteva fare meglio – afferma con buona dose di autocritica – ma era soltanto il primo anno assieme per buona parte di noi. Le impressioni sul nuovo roster sono molto positive. Credo che i nuovi arrivati ci aiuteranno molto a migliorare. Nella prossima stagione ci piacerebbe essere la classica “mina vagante”, ovvero la squadra che può dare fastidio a tutti”.

Sestu, 13 settembre 2019

Agenzia Uffici Stampa DirectaSport