Fotodinamico in campo nel ricordo del professor Cordeddu

Il PalaMellano si prepara ad accogliere la “prima” casalinga della Fotodinamico Sestu edizione 2019/2020. Sabato pomeriggio in via Ottaviano Augusto i Pirates riceveranno il Sant’Orsola Sassari con l’obiettivo di dar seguito alla prestazione, bella e vincente, di domenica scorsa contro l’Antonianum.

Per tutto l’ambiente biancoblù la gara di sabato avrà delle connotazioni emotive molto particolari. Sarà la prima, infatti, senza il professor Lucio Cordeddu, scomparso lo scorso giugno. L’Accademia lo ricorderà con un minuto di raccoglimento prima della palla a due, mentre per tutta la stagione Novelli e compagni indosseranno una canotta listata a lutto. “Sarà un momento molto toccante – ammette coach Marco Sassaro – sia per me che per tutte le persone che hanno avuto l’onore di stargli accanto in questi anni. Ha lasciato un segno indelebile in tutti noi, e la sua perdita è difficile da elaborare anche a distanza di mesi. Ci piacerebbe ricordarlo con una bella partita. Personalmente so quanto sarebbe stato felice di rivedermi sulla panchina dell’Accademia, e sabato non sarà semplice trattenere la commozione”.

Sconfitto in casa dal neopromosso Buk Uri nel turno inaugurale della stagione, il Sant’Orsola arriverà a Sestu deciso a riscattarsi: “Hanno un roster molto interessante – afferma il coach – credo siano una delle più autorevoli candidate al ruolo di sorpresa della stagione. Possono contare su tre certezze assolute come Antonio Piras, Basoli e coach Granchi, tecnico che ritengo davvero molto preparato. Anche la panchina è buona, con un esterno come Chessa che sa essere incisivo con il tiro da tre punti. Come noi sono una squadra giovane, e questo comporta una certa variabilità morale e tecnica nell’arco dei 40 minuti”.

I Pirates vogliono fare centro anche di fronte ai propri sostenitori: “Sono curioso di vedere all’opera la squadra – prosegue Sassaro – la gara contro l’Antonianum ha rappresentato un banco di prova diverso rispetto a quello che immaginavamo, ma il successo ha comunque generato un pizzico di euforia che potrebbe giovare. Sugli aspetti più tattici, invece, non c’è molto da dire: in questa fase prepariamo le partite pensando soprattutto a noi stessi. Inevitabile, con una squadra dall’età media così bassa. Ci stiamo ancora conoscendo a vicenda”.

Palla a due sabato 12 ottobre alle 18.30 al PalaMellano di via Ottaviano Augusto a Sestu (CA). Gli arbitri designati sono Alberto Putzulu di Cagliari e Riccardo Mulas di Quartu Sant’Elena.

Sestu, 11 ottobre 2019

Agenzia Uffici Stampa DirectaSport