Fotodinamico all’esame Calasetta

Dopo la sconfitta sul campo della Ferrini la formazione di coach Sassaro affronta i tabarchini. Il punto della situazione affidato alle parole del presidente Riccardo Fiorelli

La prima sconfitta in campionato, giunta sabato scorso per mano della Ferrini, non ha fiaccato l’entusiasmo della Fotodinamico, che è tornata a Sestu forte di una prestazione molto incoraggiante. I Pirates guardano dunque con rinnovata fiducia al quarto impegno, previsto per sabato pomeriggio al PalaMellano contro il Calasetta.

Il presidente Riccardo Fiorelli fa il punto sull’inizio di stagione della sua squadra: “E’ molto presto per fare dei bilanci – spiega – abbiamo affrontato fin qui tre partite molto particolari. L’esordio in casa dell’Antonianum è stato buono: vincere non è mai scontato, anche se è impossibile non tenere in considerazione le loro numerose assenze. Il Sant’Orsola è stato un banco di prova differente, perché ci ha messo di fronte a una squadra simile a noi. È stata una gara giocata a ritmi elevatissimi, in cui – nonostante la vittoria – a tratti abbiamo anche sofferto. Contro la Ferrini, invece, si è ripetuto lo schema che solitamente caratterizza questo genere di gare: la squadra sulla carta sfavorita produce un grande sforzo, gioca bene, ma alla fine deve soccombere di fronte alla maggior esperienza degli avversari. Ciò non significa, però, che non siano emersi tanti aspetti positivi. La squadra deve senz’altro migliorare, ma la strada intrapresa mi pare quella giusta”.

Contro il Calasetta di Edoardo Peretti, dunque, l’Accademia andrà a caccia di conferme: “Sarà una partita importante – aggiunge Fiorelli – perché potrà darci una prima dimensione dei miglioramenti compiuti rispetto alla passata stagione. La gara propone dei temi tecnici particolari: Calasetta, come da diversi anni a questa parte, si affida a tanti giocatori che arrivano da oltre Tirreno, dunque la squadra dovrà fare i conti con un livello di fisicità e di intensità diverso rispetto a quello che è solito incontrare. La sfida è ovviamente difficile, ma vogliamo provare a vincere. Uno step rispetto all’ultimo campionato è proprio quello di aggiungere un pizzico di pressione in più ai ragazzi in merito all’ottenimento dei risultati. Riteniamo che questo possa aiutarli nel loro percorso di formazione”.

Non solo prima squadra: la Fotodinamico continua a lavorare anche su altri due fronti di cruciale importanza come il settore giovanile e le strutture: “Per quanto riguarda il primo punto – spiega il presidente – i numeri si sono stabilizzati e sono piuttosto interessanti. L’attività di reclutamento sul territorio di Sestu e zone limitrofe ha dato i suoi frutti, e mi pare che il dialogo tra i quattro coordinatori tecnici scelti stia avendo dei benefici sul lavoro degli istruttori. In questa stagione possiamo schierare delle formazioni in tutte le categorie a eccezione dell’Under 13 e dell’Under 16. Per una società giovane come la nostra è un risultato tutt’altro che trascurabile. Sul fronte strutture – aggiunge – abbiamo intavolato un dialogo con il Comune di Sestu che speriamo possa portare alla realizzazione di un campo esterno proprio accanto al PalaMellano. Organizzare le attività di tutti i gruppi in un solo campo inizia a diventare difficoltoso, e ci auguriamo che l’idea possa presto essere trovare concretizzazione. Continuiamo a tracciare la strada pian piano, senza la fretta di vedere i risultati nell’immediato”.

Fotodinamico Sestu e Calasetta Basket si affronteranno sabato 26 ottobre alle 18.30 al PalaMellano di via Ottaviano Augusto a Sestu (CA). Gli arbitri designati sono Davide Mulliri di Settimo San Pietro (CA) e Claudia Puliga di Cagliari.

Sestu, 25 ottobre 2019

Agenzia Uffici Stampa DirectaSport